La pizzica in Puglia

La pizzica ha origini molto antiche che risalgono ai culti dionisiaci provenienti dalla Grecia e fatti propri dalle popolazioni locali del Salento. Il culto in onore del dio Dioniso era particolarmente sfrenato, e rappresentava un momento collettivo durante il quale ci si estraniava dalle costrizioni e dalle regole morali della comunità, una sorta di momento liberatorio a cui partecipava tutta la popolazione.

Sparito con il tempo il culto dionisiaco, le danze rimangono e diventano patrimonio della cultura contadina: restava infatti la credenza vole che il ballo sfrenato ed ipnotico che contraddistingue la pizzica, accompagnata dal suono di diversi strumenti musicali il più importante dei quali è il tamburello fosse di utilità terapeutica per la cura del morso della tarantola un ragno comune nelle campagne della Puglia. Il ballo avrebbe avuto la funzione di guarire la persona colpita dalla morsicatura del ragno.

Feste popolari in Salento

Feste popolari in Salento

Nel Salento la pizzica è stata riscoperta e riproposta come tratto culturale saliente della popolazione salentina, ed è famoso l’evento della Notte della Taranta, a Melpignano, dove si radunano migliaia di persone per ascoltare artisti di fama mondiale che si cimentano alle indiavolate percussioni insieme a rinomati artisti locali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.