Archivi tag: coste della puglia

La tradizione in Puglia

Le tradizioni della Puglia affondano le radici in un passato molto remoto, ed in un territorio dove per millenni si sono succedute diverse popolazioni, ognuna lasciando parte del suo patrimonio culturale e religioso, assorbiti ed assimilati dalla popolazione locale. Misto di sacro e pagano contraddistingue alcune antiche usanze, come la pizzica ed il ballo delle tarantolate, ed anche certi aspetti delle processioni sacre dedicate ai santi ed alla madonna rivelano tradizioni molto antiche, come i cortei dei fedeli incappucciati che avvengono nella Settimana Santa di Pasqua in molte località.

Il carnevale

Il carnevale

Di altrettanto antica tradizione i falò, chiamati focare a Novoli, che si accendono alla fine dell’anno trascorso e nei primi mesi di gennaio, oppure il Carnevale, che a Gallipoli passa per le via della città con i pittoreschi carri allegorici. Suggestive la danza delle tarantate che si svolge tutti gli anni il 29 Giugno, presso il Santuario di S. Paolo a Galatina, la Notte di San Rocco dove si assiste alle sfrenate danze della pizzica ed alla altrettanto antica e tradizionale “danza delle spade” a Torre Paduli, a Ferragosto, la processione della Madonna dell’Altomare ad Otranto e quella della Madonna di Santa Maria di Leuca.

Porti e approdi della Puglia

La Puglia, con i suoi 800 chilometri di coste è sempre stata al centro delle comunicazioni con l’est europeo e l’area dei Balcani, nonché della Grecia e dell’Asia Minore. Tra i porti commerciali e di trasporto persone spicca il porto di Bari è attualmente tra i più importanti per la comunicazione con Est Europa e Grecia, cui segue il porto di Brindisi che conta diverse linee che collegano non solo la Grecia ma anche la Turchia.

Porto di Torre Vado

Porto di Torre Vado

Sulla costa ionica è Taranto, con il suo grande porto industriale ad essere il centro delle comunicazioni navali.

Tra i porti turistici troviamo località importanti come Gallipoli, Otranto, Torre Vado e Santa Maria di Leuca, che negli ultimi anni hanno ampliato le proprie capacità ricettive, e si sono dotati di quei servizi indispensabili per garantire a chi approda sicurezza e comodità, dagli allacci all’elettricità ed all’acqua, alle officine per l’alaggio e le riparazioni, alla banchine dove le imbarcazioni possono restare ancorate in tutta sicurezza anche in caso di maltempo.

Grotte e caverne in Puglia

In Puglia, il sostrato geologico è costituito per la maggior parte di roccia calcarea, particolarmente sensibile ai fenomeni di erosione di acqua e vento.

Nel corso dei millenni tale intenso lavorio degli elementi ha creato fantastiche grotte che costellano tutto il territorio pugliese, le profonde doline da cui sgorgano impetuosi torrenti sotterranei dal percorso sconosciuto, e le gole scavate dai torrenti in superficie, le gravine.

Le grotte a Santa Maria di Leuca

Le grotte a Santa Maria di Leuca

Un paesaggio di incredibile fascino e suggestione, che chi si reca in vacanza in Puglia non può mancare di visitare.

Sulla costa salentina, le più suggestive grotte si trovano verso Capo Leuca: la Grotta Zinzulusa, chiamata così dalla forma tutta particolare delle sue stalattiti, che pendono dall’alto come migliaia di stracci, gli “zinzuli” come vengono chiamati nel dialetto locale e la Grotta delle Tre Porte, dal suggestivo triplice ingresso.

Verso Porto Badisco incontriamo la Grotta dei Cervi, famosa per via dei centinaia di dipinti rupestri che ricoprono volte e pareti.

Stupende le Grotte di Castellana, forse le più ampie e percorribili tra le grotte della Puglia, che riservano ai visitatori un fantastico panorama di stalattiti e stalagmiti multicolori.

Le torri costiere della Puglia

Tra le tante attrattive che caratterizzano la costa pugliese certamente le torri costiere medievali fanno la loro bella figura. Silenziose sentinelle del mare, erette quando la costa era flagellata dal pericolo dei saraceni, dei pirati e dei turchi, e la cui funzione era di avvistare da lontano le navi nemiche e di fornire una prima linea di difesa contro gli sbarchi, oggi fanno parte integrante del suggestivo panorama che si gode sui litorali della Puglia.

Torre costiera

Torre costiera

Molte sono diroccate e crollate, qualcuna è rimasta immersa per metà nell’acqua a causa dei profondi rivolgimenti geologici, altre si trovano in buono stato conservativo e riutilizzate per ospitare svariate attività, e dominano spiagge e cittadine. A pianta quadrata o circolare, dotate di merli difensivi o spoglie di ogni ornamento si estendono soprattutto nel Salento dove ne sono presenti ancora circa un’ottantina. Ma non mancano anche sul litorali di Brindisi e di Bari e nella costa del Promontorio del Gargano.

Pesce fresco sulle tavole dei pugliesi

Il mare che si affaccia sulla lunga costa pugliese è di pesce, un’importante risorsa economica ed uno dei fondamentali ingredienti della cucina locale. Centinaia di pescherecci ogni mattina riversano il loro prezioso carico di pesce sui moli dei piccoli e grandi centri portuali della Puglia.

Pescare in Puglia

Pescare in Puglia

Il pesce azzurro costituisce un buona percentuale del pesce pescato, e trova un posto di riguardo nelle ricette della cucina pugliese trova la sua collocazione in molteplici ricette gustose.

Anche il polipo si trova in abbondanza tra i fondali rocciosi della costa pugliese, e le molte qualità di pesci dalle carni pregiate, come le cernie e le spigole, le orate ed i branzini, il pesce spada ed il palombo. Tra i molluschi, oltre a calamari e seppie è molto attiva la pesca e l’allevamento delle cozze e delle ostriche, soprattutto nel Golfo di Taranto, dove il loro gusto si impreziosisce perchè i filari di produzione e sono installati presso le sorgenti di acqua dolce che sgorgano nel mare.

La vela in Puglia

La Puglia negli ultimi anni ha attirato l’attenzione degli appassionati di vela, grazie al fatto che i porti pugliesi, grandi e piccoli, hanno cominciato a dotarsi delle infrastrutture necessarie per accogliere un numero sempre più grande di yacht, vele ed imbarcazioni da diporto.

Vele nel porto a Gallipoli

Vele nel porto a Gallipoli

Sono nati e cresciuti in maniera esponenziale anche i circoli velici, dove si è sviluppata l’attività agonistica, che ogni anno si esprime in stupende regate, a Gallipoli, a Taranto, sulla costa del Gargano, a Manfredonia.

Chi si reca in vacanza in Puglia può ormai contare anche sulla possibilità di noleggiare un charter, e partire veleggiando lungo la costa, per scoprire insenature raggiungibili solo dal mare dove tuffarsi nelle acque blu, attraccare in qualche bel porticciolo dove trascorrere la serata e raggiungere spiagge di incredibile fascino.

Tra le mete più gettonate sicuramente Gallipoli, Portoselvaggio, poi Torre Vado e Santa Maria di Leuca sulla costa salentina sullo Ionio, Castro e Porto Badisco sulla costa adriatica. Da non dimenticare le splendide Isole Tremiti.

Le coste della Puglia

Le coste della Puglia sono particolarmente interessanti per visitatori e turisti che accorrono sui quasi 700 chilometri di litorale sia per ammirare lo splendido mare su cui si affacciano dalla lunghe spiagge e dalle alte scogliere sia per lo splendido panorama che si può godere dalle pittoresche cittadine costiere sia dai promontori dove svettano, silenziose e solitarie le torri medievali, costruite quando la costa pugliese era flagellata dal pericolo dei saraceni e dei turchi che dal mare portavano morte e distruzione.

La costa adriatica

La costa adriatica

Grotte ed anfratti naturali di indubbio fascino si aprono improvvisi tra le rocce, sia nella zona del Gargano, tra Peschici e Mattinata, sia nell’estrema punta del Salento, a Santa Maria di Leuca. Visitabili via mare o calandosi dall’alto degli scogli, la loro visita è sinonimo di emozione e suggestione.

Gli appassionati delle immersioni trovano di che soddisfare le loro voglie tra gli incantevoli fondali sottomarini di Capo Leuca e di Otranto, di Santa Cesarea e di molte località del brindisino.

Otranto

Otranto è un’ affascinante borgo medievale, il cui centro storico è costituito da un labirinto di vicoli e vie strette, su cui si affacciano splendidi monumenti, tra i quali spiccano la Cattedrale dell’Annunziata, al cui interno è da ammirare una delle opere del medioevo unica nel suo genere e di grande suggestione: il mosaico pavimentale, che copre per tutta la sua estensione la navata centrale.

Castello di Otranto

Castello di Otranto

Dominano il centro cittadino gli imponenti bastioni del Castello di Otranto, uno degli esempi più interessanti del sistema di fortificazioni medievali di cui il territorio della Puglia è ricco.

Nei dintorni una costa splendida, caratterizzata dalle decine di torri medioevali che dominano il mare dall’alto delle scogliere tra cui quella che è il simbolo di Otranto, Torre del Serpe. Di che soddisfare tutte le esigenze di chi è alla ricerca di luoghi di sogno in cui trascorrere le sue vacanze in Puglia: dalle belle baie a ridosso dell’area protetta dei Laghi Alimini, a Conca Specchiulla, da Porto Grande a San Giorgio.

Olio extravergine di oliva in Puglia

Tra i prodotti che hanno sempre eccelso in Puglia un posto di riguardo l’ha sicuramente l’olio extravergine di oliva.

Ancor prima della dominazione romana, che darà ampio impulso alla coltivazione dell’ulivo, molte cittadine dell’entroterra e della costa conosceranno grazie all’olio di oliva un’intensa fioritura sociale ed economica.

Olio extravergine di Puglia

Olio extravergine di Puglia

Oggi l’olio pugliese vanta importanti successi sia a livello di produzione quantitativa, di cui la Puglia detiene il primato assoluto sia a livello qualitativo, con gli importanti riconoscimenti del marchio DOP (Denominazione di Origine Protetta) per alcune delle sue produzioni: Dauno, Terra di Bari, Colline di Brindisi e Terra d’Otranto.

Le qualità organolettiche dell’olio extravergine pugliese sono notevoli, innanzitutto la sua bassa acidità, che non supera l’1%, il che è ottimo sia per la bontà che per la durata nel tempo.

L’olio pugliese è così prezioso per via delle tecniche di raccolta e di lavorazione delle olive fatta esclusivamente a mano. Aggiunto crudo a fine cottura esalta il sapore dei piatti, un ottimo ed essenziale complemento ai piatti della cucina pugliese.